Camera di Commercio di Teramo

Certificazioni per l'estero

Logo CCIAA Teramo
RICERCA ASSISTITA
Mentre digiti nella casella di ricerca la funzione di completamento automatico ti offre diverse soluzioni di ricerca
Certificazioni per l'estero
Home CCIAA Teramo » Certificare l'impresa » Certificazioni per l'estero

L'Ufficio Commercio Estero della Camera di Commercio di Teramo si propone di affiancare e supportare l'attività dell'imprenditore che opera con l'estero, offrendo una vasta gamma di servizi riconducibili principalmente a tutta la documentazione necessaria all'esportazione.

CONVALIDA ANNUALE NUMERO MECCANOGRAFICO

In riferimento alla circolare Ministeriale n.3576/c del 6 maggio 2004, riguardante l’assegnazione del numero Meccanografico alle imprese che operano con l’estero, si ricorda  l’adempimento di convalida annuale della posizione di esportatore abituale presso l’ufficio Commercio Estero della Camera di Commercio.
Tale adempimento dovrà essere eseguito dall’impresa improrogabilmente entro il 31 dicembre 2016, esibendo una dichiarazione nella quale il legale rappresentante dell’azienda confermi la  continuità delle operazioni  con l’estero, allegando altresì, fotocopia  del documento di riconoscimento.

CERTIFICATO DI ORIGINE

Il Certificato di Origine è un documento destinato esclusivamente a provare il paese di provenienza delle merci per esigenze commerciali e doganali.
Le Camere di Commercio sono gli organismi abilitati in Italia al rilascio dei certificati di origine alle imprese che commerciano con Paesi non appartenenti alla Comunità Europea, quando le autorità del Paese destinatario ne fanno richiesta. L'esportatore italiano potrà richiederlo alla Camera di Commercio della provincia nella cui circonscrizione l'impresa richiedente ha la propria sede legale, operativa e/o unità locale. 
Il formulari, stampati a livello nazionale e provvisti di un numero di serie,  sono  distribuiti all'operatore dalla Camera di Commercio e sono composti da un esemplare originale, tre copie ed un modulo di domanda.

 

Disposizioni per il rilascio da parte delle Camere di Commercio dei certificati comunitari d'origine
Facsimile di certificato di origine
 
Istruzioni sulla compilazione
 
Dichiarazione per merci non comunitarie

Tracciato per compilazione C. O. su PC

 

Annullamento o sostituzione di un certificato di origine già rilasciato

Per procedere all'annullamento del certificato di origine occorre presentare agli sportelli camerali una richiesta sottoscritta dal legale rappresentante.

La domanda deve essere redatta su carta intestata dell'impresa utilizzando il modello sottostante e restituendo il certificato originale, le eventuali copie e fatture vistate.

Modello di domanda
 

CARNET ATA

Il Carnet ATA si presenta come un passaporto per le merci con il quale si evita di dover pagare diritti e cauzioni.  Esso sostituisce i documenti doganali con un  unico documento internazionale semplificando l'attraversamento delle frontiere e riducendo le lungaggini burocratiche.
Gli utilizzi più tipici riguardano merci quali: 
- Materiali Professionali (es. un complesso musicale che ha bisogno di portare all'estero i propri strumenti)
- Campioni Commerciali (es.una determinata categoria di merci destinata ad essere oggetto di dimostrazione  per invogliare i  clienti ad ordinazioni)
- Fiere e Mostre (merci destinate ad essere presentate o utilizzate in occasione di una esposizione, di una fiera)
Il Carnet deve essere richiesto alla Camera di Commercio presso la quale l'impresa ha la propria sede legale o un'unità locale, mentre per le persone fisiche si fa riferimento alla residenza.
Il rilascio da parte di altre Camere è ammesso soltanto in casi eccezionali e con l’assenso della Camera di Commercio competente per territorio.


 Modulo di domanda

Istruzioni 

 

News 2015 Dal 1 gennaio 2015 è in vigore il nuovo listino prezzi carnet ATA e nuovi modelli di carnet

Guida Unioncamere "Quale carnet ATA scegliere?"

 

NUMERO MECCANOGRAFICO

Il numero meccanografico è un codice  composto da 8 caratteri alfanumerici,  rilasciato dalla Camera di Commercio alle imprese che svolgono operazioni abituali con l'estero.
Lo rilascia la Camera di Commercio nella cui circoscrizione l'impresa  la sede legale o un'unità locale.
Ha funzioni di rilevanza statistica e  deve essere riportato dagli operatori abituali sulle documentazioni valutarie (Comunicazione Valutaria Statistica -CVS-), quindi  richiesto agli operatori dalle banche quando c'è un movimento di valuta estera.
Il codice meccanografico meccanografico può essere attribuito solo alle Imprese che hanno già denunciato l'inizio dell'attività al Registro Imprese della CCIAA ed in regola con il diritto annuale.
Una volta  assegnato l'impresa viene iscritta automaticamente nell'Archivio ITALIANCOM, il sistema informatico degli operatori abituali con l'estero dell'ente camerale.
La circolare Ministeriale n.3576/c ha stabilito nuove regole per il mantenimento del codice stesso che dovrà essere convalidato ogni anno apportando, se necessario, gli opportuni    aggiornamenti.
Il termine entro  il quale l'impresa deve presentare l'istanza di convalida della   propria   posizione è stabilito al 31 dicembre dell'anno  successivo a quello  del rilascio o  della precedente convalida.

 

Modulo di richiesta

 

LEGALIZZAZIONI DI DOCUMENTI (ex visto UPICA)

E' una procedura richiesta da numerosi Consolati esteri su documenti per l'esportazione (prevalentemente nei Paesi Arabi) rilasciati dalla Camera di Commercio. Serve a legalizzare le firme dei funzionari camerali.

 

ATTESTATI DI LIBERA VENDITA

L'attestato di libera vendita è un documento che alcuni Stati (dell' Est Asiatico e dell'America Latina) richiedono per essere sicuri che la merce importata nel loro Paese abbia libera circolazione nel Paese di origine o nell'Unione Europea e, pertanto, sia sottoposta a controlli della legislazione nazionale.
E' particolarmente richiesto per i prodotti sottoposti alle autorizzazioni del Ministero della Salute come, ad esempio. cosmetici, sanitari, alimentari e medicali.

 

Modulo di richiesta

ALTRI VISTI PER L'ESTERO

L'ufficio Commercio Estero appone visti su fatture o altri documenti destinati all'esportazione:
 
Visti su dichiarazioni varie da parte dei legali rappresentanti delle imprese,
Visti su contratti,
Visti sui listini prezzi.        

 

 

 

Diritti di segreteria


- Visto di deposito su fatture e documenti per l'estero: 3,00 euro
- Certificato d'origine: 5,00 euro
- Carnet ATA: base 50,00 euro + IVA 22% - standard 76,00 + IVA 22%
- Rilascio e convalida numero meccanografico: 3,00 euro

Condividi questa pagina

In questa pagina

- Inizio della pagina -
Il progetto Camera di Commercio di Teramo è sviluppato con il CMS ISWEB® di Internet Soluzioni Srl www.internetsoluzioni.it